D’ALEMA IN CAMPANIA “SIAMO UN GRANDE PARTITO”


Massimo D’Alema è stato in Campania per tre appuntamenti. Il primo nell’aula delle lauree “De Rosa” della facoltà di scienze politiche dell’università di Salerno a Fisciano, per la presentazione del libro di Massimo Adinolfi “C’era una volta il re, le parole per leggere il mondo”. Insieme all’onorevole D’Alema e all’autore, erano presenti i professori Luigi Rossi, Maria Galante ed Enrica L.Petrini.Nell’occasione D’Alema ha risposto alle domande dei giornalisti partendo dal concetto di democrazia messo in discussione dai “poteri forti”: “La democrazia corre dei rischi nel seno che è talmente preponderante il peso dell’economia, quindi il peso dei poteri economici e delle strutture tecniche che a volte, le decisioni vere, sfuggono al controllo dei cittadini. La democrazia è proprio questo: la capacità dei cittadini di essere alla fine i sovrani. Di essere loro a prendere le decisioni vere. Oggi questo appare molto problematico. Per esempio, in Europa, le scelte dei mercati o le decisioni degli organismi tecnici, sembrano contare di più della volontà dei cittadini”.Sulla battaglia per le Primarie nel Pd tra Renzi e Bersani D’Alema dice: “Anche Hilary Clinton ed Obama si sono divisi ma poi si sono ritrovati. Noi abbiamo scelto la strada della partecipazione democratica. Siamo nel mezzo di un confronto democratico. E’ un fatto fondamentalmente positivo. In un paese in cui la politica dà la sensazione di chiudersi in se stessa noi siamo un grande partito che chiama i cittadini a partecipare, a decidere. Credo – ha aggiunto D’Alema – che ne usciremo più forti. Veltroni? E’ una scelta personale, non credo si defili. E’ una scelta alla quale guardo con rispetto e sulla quale bisogna riflettere. Un mio ritorno in politica? Io mi occupo di politica. Non devo tornare da nessuna parte. Credo che devo continuare ad impegnarmi. Penso che anche l’invito che mi è venuto da tanti amici, amministratori, Sindaci o intellettuali del mezzogiorno è un invito che apprezzo. E’ uno stimolo ad impegnarsi. Impegnarsi nella lotta politica non significa necessariamente candidarsi alle elezioni”Nel pomeriggio D’Alema è stato a Napoli presso la Feltrinelli di piazza dei Martiri per assistere alla presentazione del libro “L’Italia dei democratici. Idee per un manifesto riformista” di Enrico Morando e Giorgio Tonini. Con gli autori ne parleranno Berardo Impegno, Umberto Ranieri e Massimo D’Alema, moderati da Virman Cusenza, direttore de “Il Mattino”.”La mia disposizione è a non candidarmi. Semmai posso candidarmi se il partito mi chiede di farlo. E’ giusto il ricambio, e sarà promosso largamente, è il Pd che deve decidere se ci sono personalità che è opportuno che restino, derogando al regolamento. In un Parlamento – ha aggiunto – dove torneranno Berlusconi, Dell’Utri e Cicchitto, pensare che il rinnovamento consista nell’eliminare il gruppo dirigente del Pd é una visione un po’ faziosa”.D’Alema conclude la giornata Campana nel castello di Casapozzano a Orta di Atella, in provincia di Caserta, nel corso dell’iniziativa “Verso le primarie: mezzogiorno, giovani e lavoro”.

l’INTERVISTA RILASCIATA DA D’ALEMA A TELECOLORE

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...