ROCCADASPIDE UNA CREPA AL DEPURATORE


Rischia di crollare l’impianto di depurazione in località Sant’Antonio, a Roccadaspide. A lanciare l’allarme è il sindaco Girolamo Auricchio il quale evidenzia i rischi derivanti da una possibile caduta dell’impianto: questa sciagurata ipotesi potrebbe determinare non solo il blocco del servizio di depurazione ma anche l’inquinamento del territorio circostante la struttura.Il problema è causato da un fenomeno di smottamento legato agli eventi piovosi degli ultimi anni, che hanno provocato un fenomeno erosivo che è in continua evoluzione, nonostante in queste ultime settimane non stia piovendo. Non si tratta, quindi, di un episodio isolato e recente, tanto che da ben cinque anni il fenomeno viene monitorato dal comune: il problema è stato segnalato più volte dall’amministrazione comunale agli organi competenti, ma senza che la segnalazione abbia sortito gli effetti sperati.

Le istituzioni chiamate ad intervenire non hanno preso in carico il problema, che adesso sta assumendo proporzioni preoccupanti. A causa dell’erosione della sponda del torrente che costeggia l’impianto, si sta verificando un movimento franoso che interessa il muro di recinzione del depuratore, le fondazioni dell’edificio tecnologico dell’impianto e le canalizzazioni elettriche di alimentazione. Peraltro, per effetto dell’erosione, un tratto del muro di cinta è sospeso nel vuoto per circa 16 metri; sono stati danneggiati anche i cavi elettrici interrati, che sono stati prontamente ripristinati, anche se in maniera provvisoria, da parte del comune di Roccadaspide, che così ha voluto, per quanto di sua competenza, scongiurare pericoli.Si tratta di un depuratore realizzato circa 30 anni fa con un mutuo a carico del bilancio comunale: ora, per la messa in sicurezza dell’impianto, sono necessari 700 mila euro che, nell’ennesima lettera di segnalazione, il sindaco di Roccadaspide chiede agli enti preposti alla soluzione del problema: Comunità Montana Calore Salernitano, Stapa Ce.Pi.Ca., Ente di Ambito Sele, Autorità di Bacino, Regione Campania, Provincia di Salerno, che dovranno fare carico della realizzazione delle difese spondali e del fondo del torrente confinante con l’area dell’impianto, oltre che degli interventi di ripristino delle strutture dell’impianto stesso.“E’ necessario provvedere subito alla sistemazione dell’impianto – sottolinea il sindaco Girolamo Auricchio – perché se si trascina questa situazione si rischia il crollo del depuratore. Se ciò accadesse il danno sarebbe incalcolabile, sia perché si interromperebbe il servizio di depurazione, sia perché si potrebbe determinare un grave danno all’ambiente circostante. Senza considerare che per ricostruirlo ci vorrebbero fondi ingenti.Aspettiamo quindi un intervento immediato da parte degli organi competenti, soprattutto in considerazione del fatto che vengono spesso erogati finanziamenti considerevoli a comuni che non ne hanno bisogno; nel nostro caso la necessità è davvero impellente, quindi ci auguriamo di avere presto l’auspicata risposta”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...