CLAMOROSO AL PROCESSO LINEA D’OMBRA SPUNTA UNA REGISTRAZIONE TRUCCATA


«Manipolazione rispetto alla registrazione originale»: è quanto emerso dalla perizia del perito nominato dal tribunale sulle due registrazioni effettuate dal teste Amerigo Panico, l’accusatore del processo Gambino.Uno dei due registratori presenta un buco di tredici minuti rispetto alla registrazione originaria, senza i normali segnali di start e stop. «Per capire meglio – ha spiegato ai giudici il consulente dottor Porto – basta immaginare un taglio con le forbici. Nel nostro caso è avvenuto su una parte della conversazione».Il colpo di scena, in verità atteso dalla difesa, solleva un vizio sulla bontà di uno dei due registratori utilizzati da Panico, necessariamente da valutare nel prosieguo del dibattimento. In aula sono stati sentiti per la difesa alcuni ex dipendenti del Pegaso, tutti concordi nell’essersi rivolti a Panico e a Gambino per lavorare con curriculum e amicizia, l’ufficiale dei vigili Diodato Sarno, per anni autista del sindaco, le dipendenti comunali Carmela Scoppetta e Carmelina Cauciello, l’ingegnere Gerardo Califano, tutti sulla proprietà Criscuolo in uso ai Petrosino D’Auria, il candidato al consiglio comunale con la lista Triciclo Vincenzo D’Amato e il dirigente del consorzio di bacino Stefano Cicalese. La prossima udienza si svolgerà martedì due ottobre, con altri testimoni chiamati dal collegio difensivo.

GUARDA LE FOTO DELL’UDIENZA DI OGGI

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...