AGROPOLI PER UN SINISTRO CHIEDE CENTOTTANTA MILA EURO IL MUNICIPIO SI OPPONE


AGROPOLI. Quasi 180.000 euro di risarcimento, oltre le spese legali, per i danni subiti a seguito di un incidente causato dal manto stradale dissestato. È questa la maxi-richiesta, contenuta nell’atto di citazione presentato da una cittadina agropolese al tribunale di Vallo della Lucania.R. B. ha citato il Comune, guidato dal sindaco Franco Alfieri, per un sinistro avvenuto circa due anni fa in via Alcide De Gasperi. Nell’atto di citazione la richiedente imputa la propria caduta al manto stradale sconnesso. E pertanto, avendo subito vari traumi, chiede all’Ente di essere risarcita per i danni subiti imputabili alla mancata manutenzione dell’arteria. Con una recente delibera, la giunta comunale si è però opposta alla richiesta, su proposta dell’assessore al Contenzioso, Eugenio Benevento. «Ci siamo costituiti – conferma Benevento – e abbiamo dato mandato al legale per la resistenza in giudizio».

All’epoca dell’incidente il Comune di Agropoli era coperto da una polizza di responsabilità civile stipulata con l’Ina Assitalia, agenzia generale di Salerno. Il legale incaricato dal Comune a seguire l’iter dovrà provvedere in sede di giudizio a chiamare in causa l’assicurazione. L’incarico è stato affidato all’avvocato Giuseppe Di Marco, al quale sarà corrisposto un compenso di 900 euroPer il conferimento di incarichi legali l’amministrazione Alfieri ha approvato un disciplinare, in base al quale i legali interessati devono attenersi, nella compilazione delle parcelle, ai minimi tariffari o comunque a una tabella prevista dal regolamento stesso. L’obiettivo è quello di abbattere i costi dei contenziosi.Infatti non sono poche le richieste di risarcimento, per danni causati dal dissesto delle strade urbane, sono state inoltrate anche all’ufficio del Giudice di pace. Come l’atto di citazione di A. M. per il risarcimento dei danni subiti a seguito del sinistro verificatosi nel 2010 in via Madonna del Carmine, sempre a causa del manto stradale dissestato, per l’importo complessivo di 1.100 euro, oltre interessi, rivalutazione monetaria e spese legali. Hanno proceduto con un atto di citazione al Giudice di pace ( tutti ricorsi impugnati dal Comune): M. P., per i danni quantificati in circa 4000 euro, subiti a seguito di un incidente avvenuto nel 2011 in via Piave; D. R., vittima di un incidente in via Romanelli che ha chiesto di essere risarcito per una somma di 814 euro oltre il danno da fermo tecnico; O. V. F., per un sinistro verificatosi il 2010, che ha chiesto i danni per un importo di 4.775 euro.Quello dei contenziosi – avviati per questioni legate agli incidenti stradali ma non solo – è uno dei problemi che affligge molti Comuni e che rappresenta una delle voci di bilancio (in negativo) più cospicue. Di qui la necessità di intervenire per difendersi in giudizio, specie contro chi ci marcia.(a. s.)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...