AGROPOLI STAMANE RIFINITURA E POI PARTENZA PER MESSINA


L’agropoli partirà nel primo pomeriggio alla volta di Messina in pulman per affrontare domani pomeriggio la formazione del presidente Lo Monaco. La squadra siciliana fa paura. La formazione che affronterà  i giallorossi è ancora in alto mare. Fuori Calambuig e Montano fermati dal giudice sportivo dopo il rosso a entrambi domenica scorsa i delfini presenteranno una formazione quasi certamente competitiva.Con la morte nel cuore e con il lutto al braccio per la scomparsa di Sirignano il segretario della squadra l’Agropoli arriverà in Sicilia da dove manca da almeno una ventina di anni con al seguito almeno 100 sostenitori al San Filippo stadio da serie A. l’unico precedente risale all’autunno del 1994 quando il Messina al Celeste passa in vantaggio ma viene raggiunto da una rete di Michele Coscia,finisce 1-1.L’Agropoli fra l’altro  ha reso noto di aver depositato alla LND le liste di tesseramento dei calciatori Cristian Altobello e Francesco Mascolo entrambi classe 1993 e provenienti dal Sorrento. Altobello, già promosso nella prima squadra della formazione rosso-nera, è un terzino destro, Mascolo è un centrocampista avanzato che può giocare anche da attaccante. Entrambi i calciatori, che nei giorni scorsi avevano rescisso il loro accordo con il Sorrento, saranno disponibili per la gara di domenica a Messina. Per la trasferta siciliana sarà arruolabile anche il difensore australiano Remo Capitani per il quale è giunto il trasfert per il tesseramento. Di certo però la formazione agropolese farà leva ancora Pagano,Lombardi recuperato,D’Attilio e il portiere Capozzi. Quattro under di belle speranze. Pagano cresce di giornata in giornata. Il giocatore classe 1992 ha già alle spalle un curriculum di tutto rispetto allievi nazionali con la Salernitana,poi primavera sempre con la Salernitana e con la Juve Stabia l’anno successivo,prima del passaggio alla Nocerina dove esordisce in coppa Italia da esterno alto contro il Brindisi risultando il migliore in campo propio all’esordio e poi l’anno scorso Turris e Sansovino. Insomma un giocatore pescato a dovere da Magna nello scenario delle giovani  promesse e messo a disposizione di Nastri il quale lo forgerà per arricchirlo ancora di più sia tecnicamente che fisicamente.

Sergio Vessicchio

 

DAL SITO DEL MESSINA

L’Acr Messina comunica che è partita la prevendita dei biglietti relativa all’incontro di calcio fra i peloritani e l’Agropoli in programma domenica 16 settembre al ”San Filippo” (ore 15) e valevole per la terza giornata del campionato di calcio di serie D. Da ieri  (venerdì 14 settembre) sarà possibile acquistare i tagliandi presso il botteghino dello stadio ”San Filippo”, sino alle 19, e presso i club che hanno già aderito alla campagna abbonamenti.
Nella giornata di oggi si potranno acquistare i tagliandi dalle 9 alle 19 e sarà possibile, inoltre,ritirare l’abbonamento stagionale nel luogo dell’avvenuta sottoscrizione.
Domenica il botteghino dello stadio aprirà alle ore 11 (attivo anche il servizio di ritiro abbonamenti).

Nel dettaglio i prezzi dei biglietti:
Tribuna centrale: euro 20.
Tribuna laterale sud: euro 18.
Curva Sud: euro 10.

DAL SITO DEL MESSINA AMARCORD

 

Messina a punteggio pieno dopo due giornate e primo scontro al vertice della classifica di serie D contro l’Agropoli squadra campana neo-promossa nel massimo campionato dilettantistico.
Le due formazioni si sono già incontrate nel campionato di CND 1994-95 per due volte, all’andata al Celeste la prima partita terminò con un pareggio per 1 a 1, il ritorno con lo stesso punteggio. Erano gli anni dell’AS Messina presieduta da Pietro La Malfa che quell’anno, come del resto in quelli successivi, vide sedersi sulla panchina un gran numero di allenatori. In quella stagione cominciò ad allenare il compianto Nino Barone che proprio dopo la partita pareggiata con l’Agropoli fu esonerato e sostituito da Angelo Busetta, dimessosi dopo 3 giornate fu sostituito da Carmelo Miceli ed alla 29ma giornata risostituito da Nino Barone che completò il campionato terminando al terzo posto dietro Catania e Milazzo. I due giocatori simbolo di quella stagione furono senz’altro i messinesi Nino Naccari e Nino De Luca che complessivamente segnarono 29 reti. Il Messina ha già ottenuto due vittorie consecutive ad inizio stagione, non accadeva in D dalla stagione 1997-98, quando la squadra di Ruisi vinse contro Caltagirone e Ragusa, la serie positiva proseguì contro il Bagheria per poi terminare alla quarta giornata con il pareggio contro il Cirò. Un Messina rullo compressore che ottenne 22 risultati utili consecutivi e solo due sconfitte in tutta la stagione, il tutto coronato dalla promozione in serie C2 ed il ritorno tra i professionisti. La stagione successiva stesso inizio di campionato, tre vittorie consecutive contro Casarano, Astrea e Frosinone, il Messina di Ruisi prima e Cuoghi dopo, sfiorerà la promozione in C1 perdendo la finale play-off contro il Benevento a Lecce. Due precedenti di buon auspicio per il proseguimento della stagione, sperando che il Messina, del presidente Torrisi, possa eguagliare le imprese del suo illustre predecessore, l’indimenticato Emanuele Aliotta.

 

A cura di Sergio Leonardi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...