SALERNITANA LAZIO 0- 3 AMICHEVOLE E TAFFARUGLI


Salernitana (4-2-3-1): Iannarilli (31′ st Garino); Chirieletti (14′ st Adeleke), Luciani (44′ st Bovi), Tuia (35′ st Erba), Silvestri (41′ st Capozzoli); Perpetuini (14′ st Capua), Montervino (31′ st Lanni); Gustavo (16′ Cinque), Ginestra (35′ st Bottiglieri), Mounard (41′ st Esposito); Topouzis (39′ st Siano). All. Galderisi
Lazio (4-2-3-1): Marchetti (11′ st Bizzarri); Cavanda (18′ st Konko), Dias, Biava,Scaloni; Cana (18′ st Onazi), Ledesma (1′ st Gonzalez); Candreva (18′ st Kozak), Lulic (1’st Mauri), Zarate (18′ st Floccari); Klose (1′ st Rocchi). All. Petkovic
Marcatori: 10′ Ledesma (rig.); 8′ st Mauri, 14′ st Zarate.
Arbitro: Celi di Bari

 Petkovic prova il tandem Zarate-Klose dall’inizio e l’argentino risponde accendendo la manovra dei biancocelesti. La Lazio, dopo le sconfitte contro le “big” Siena, Torino e Galatasaray, prova a respirare contro l’undici di Galdersi. ‘Nanu’, vecchia gloria biancoceleste ai tempi di Fascetti, schiera i suoi con un ordinato 4-2-3-1. Lo stesso modulo di Petkovic ancora alla ricerca della strategia giusta per il prossimo anno. La prima occasione è per i padroni di casa al 4′: Mounard crossa dalla sinistra e Dias fa venire i brividi a Marchetti lisciando il pallone. Scampato il pericolo, la Lazio risponde prima con Lulic (prova vivace dell’ex Young Boys) e poi con Scaloni. Da un’azione dell’argentino arriva infatti il rigore fischiato da Celi al 10′. Mano netta di Silvestri sulla traiettoria del cross e vantaggio biancoceleste firmato da Ledesma bravo a spiazzare dal dischetto Iannarilli. La risposta dei padroni di casa tarda ad arrivare ma al 29′ Montervino impegna Marchetti con un bolide dalla distanza deviato oltre la traversa. Il raddoppio della Lazio potrebbe arrivare qualche minuto dopo ma Zarate non premia la progressione di Candreva, sparando su Iannarilli l’assist del compagno. Cana conquista una punizione dal limite dopo un intervento (sul pallone) di Montervino: Zarate non trova poi l’incrocio dei pali nell’ultima occasione del primo tempo.Girandola di cambi nella Lazio che ricomincia senza Lulic, Ledesma e Klose. Petkovic fa spazio a Gonzalez, Mauri e Rocchi. Dal quasi autogol di Tuia al gol di Mauri. Minuto 9. Errore di Luciani in area, Rocchi ruba il pallone servendo Gonzalez: palo dell’uruguaiano. La traiettoria finisce sui piedi di Mauri che conclude a rete con un rasoterra vincente. Sale in cattedra anche Zarate: al 14′ l’argentino fa fuori tre avversari e dal limite batte Iannarilli. Anche Galderisi comincia a cambiare i suoi cercando di far respirare la Salernitana appesantita dai carichi di lavoro estivi. Le sostituzioni rallentano il ritmo della partita ma non fermano la grinta di capitan Montervino: destro potente dal limite che colpisce in pieno il palo alla sinistra di Bizzarri. Il derby di Lotito lo vince la Lazio contro la Salernitana neopromossa in Seconda Divisione. Le due squadre del presidente, nell’amichevole organizzata per festeggiare l’impresa dei campani lo scorso anno, si sono affrontate di fronte a 10 mila spettatori dopo una premessa non proprio entusiasmante. Attimi di tensione fuori dallo stadio per alcuni tafferugli che, per fortuna, non hanno avuto conseguenze gravi. Guardando le curve, opposte emozioni per Lotito: dalla Sud applausi, dalla Nord che ospita i laziali uno striscione: “31-8-12, fine del calciomercato. 31-8-12, fine della nostra pazienza“.Tensione all’esterno dell’Arechi prima della partita quando uno dei tre bus di tifosi laziali si è staccato dal gruppo, finendo davanti all’ingresso della Curva Sud. A quel punto si è scatenato un autentico putiferio con violenze tra i tifosi e danneggiamenti alle auto in sosta nella zona. Tre persone, tra le quali uno steward in servizio allo stadio, sono rimaste ferite. Solo l’arrivo delle forze dell’ordine ha permesso di ristabilire la calma. L’atmosfera è rimasta tesa anche all’interno dello stadio, dove i giocatori biancocelesti sono stati fischiati durante il riscaldamento.

DOPO PARTITA

“Vedere gli scontri tra i tifosi delle mie due squadre è stato un pessimo spettacolo”. A dirlo è un furioso Claudio Lotito in sala stampa al termine di Salernitana – Lazio. “Quanto è successo è vergognoso. Tra due sorelle non è concepibile. Avrei voluto intervenire nell’intervallo per chiarire la situazione. Non si può scadere in questi termini, la Lazio si é prestata ad enfatizzare la serata di festa della Salernitana. Doveva essere una festa di rivendicazione delle proprie identità. La mia figura é di presidente super partes. Poi sarà la polizia a fare gli accertamenti. Ma é successo tutto prima del mio arrivo, se ci fossi stato io avrei fermato tutto e chiesto subito l’intervento delle forze dell’ordine. Questi incidenti non devono accadere, perché poi questi fatti rientrano anche tra le motivazioni che ci hanno portato oggi al mancato ripescaggio. Con il progredire delle categorie le intemperanze potrebbero avere delle ripercussioni”

attenzione di Lotito si sposta sul pubblico, dopo le polemiche della vigilia legate a paragoni con la sfida tra Juve e Malaga. “ Meno di 10 mila spettatori all’Arechi rispetto ai 25 mila della Juve, Lotito dice: “Non tanto pubblico come me lo sarei aspettato, non tanti tifosi quanto contro il Monterotondo ma sufficienti a onorare la presenza della Lazio. I tifosi devono capire che gli obiettivi si raggiungono con un progetto e con unità di intenti”

Sul mercato aggiunge: “Se tutta la primavera della Lazio scendesse a Salerno avremmo una squadra molto competitiva e i vantaggi ci sarebbero per tutti. La sinergia è importante: dall’inferno della D speriamo di passare presto al purgatorio della C1”.

Sul Consiglio Federale e sullo stop al ripescaggio in prima divisione il patron dice: “La II Divisione è una categoria che non ci appartiene ma dovremo giocarla. Se non ci hanno ripescato è frutto anche di comportamenti violenti come quelli di questa sera, credetemi. La tifoseria deve essere compatta e unita ma con delle regole”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...