AGROPOLI LA BANDA CON IL TRUCCO….DOVEVA ESSERE UNA SCUOLA DI FATTO ERA UN GRUPPO GIA’ COSTITUITO PRONTO AD USCIRE PER LE FESTE


La banda musicale di Agropoli doveva essere una scuola, ben presto si è trasformata in una piattaforma di interesse per un gruppo di furbetti che per mestiere fanno i “musicanti” e che non sono i professori che quotidianamente fanno lezioni ai giovani Pellegrino,Papa e Fedullo i furbi sono altri . La giunta comunale di Agropoli il 19 maggio 2011 considerata la rilevanza sociale e culturale dell’iniziativa attraverso gli strumenti messi a disposizione dallo statuto comunale ha considerato ufficialmente il Gran Concerto bandistico città di Agropoli la delibera è la numero 170 . Una scuola vera e propria con finalità ben precise sposando in toto il progetto dei Professori Pellegrino,Papa e Fedullo i quali a loro volta avevano protocollato la richiesta con il numero 10 468 nella quale chiedevano il patrocinio del comune. Il responsabile tecnico dell’ufficio alla pubblica istruzione approvava la delibera nella quale si legge che lo scopo del gran Concerto bandistico città di Agropoli doveva avere finalità di promozione culturale che è anche attività istituzionale del comune di Agropoli. Quindi il patrocinio il comune lo ha dato per sostenere una scuola comunale musicale. Tutto parte bene e i giovani musicisti seguiti alla perfezione dei loro professionali maestri Pellegrino,Fedullo e Papa imparano in fretta e diventano ben presto un gruppo anche ben assortito. Una bella cosa, un iniziativa lodevole tanto da spingere i comitati delle feste locali a puntarci per le processioni e i concerti. Tutti contenti anche perchè se c’è una banda e una scuola ad Agropoli non si vede perchè bisognava chiamare bande di fuori. E poi i ragazzi accordati suonano bene anche se sono disordinati e ancora non hanno la cultura della banda. Fin qui tutto ok. Ma ben presto alle prime esibizioni è facile scoprire il trucchetto. Un gruppo ben nutrito di “musicanti” è infiltrato nella banda e di fatto è la banda. Fin qui si potrebbe anche accettare, ma molti di questo gruppo vanno suonando alla giornata in più bande del Cilento e di fuori. Loro vengono chiamati e pagati e i nostri giovani della scuola patrocinata dal comune diventano oggetto di sfruttamento perchè sono un riempitivo per questo gruppo che così facendo è riuscito ad accaparrarsi tutte le feste di Agropoli.Il sistema ha consentito di guadagnare tanto e i i soldi ricavati dalle feste di Agropoli dovevano servire per sostenere la scuola e ad un investimento per far crescere la scuola stessa altrimenti i comitati festa si rivolgevano ad altri. Invece con i soldi sborsati dai comitati sono stati pagati giustamente i “musicanti”. Sia chiaro i ragazzi iscritti alla scuola del gran cocerto bandistico città di Agropoli vengono anche pagati festa per festa anche loro ma di fatto la scuola non esiste più e a questo punto abortisce l’iniziativa a meno che il sindaco e l’assessore predisposto non metta un freno e rimetta tutto nei binari della delibera di giunta. Un raggiro ben preciso che di fatto fa finire sul nascere un progetto bello e importante. E’ una scuola o è una banda musicale già costituita?Basta chiarire questo altrimenti se il progetto viene patrocinato dal comune come scuola e poi si scopre che di scuola non c’è niente e che il tutto è servito per accaparrarsi feste non sappiamo come va a finire.

Sergio Vessicchio

alla processione della Madonna di Costantinopoli vi erano un gruppo di musicanti all’interno  della banda Di Camerota…….

Invitiamo Don Bruno Lancuba a rivedere gli accordi per il 10 e 11 Agosto o chiamare un’altra banda

SUL PROSSIMO NUMERO DEL CITTADINO

ALTRI DETTAGLI

Annunci

8 thoughts on “AGROPOLI LA BANDA CON IL TRUCCO….DOVEVA ESSERE UNA SCUOLA DI FATTO ERA UN GRUPPO GIA’ COSTITUITO PRONTO AD USCIRE PER LE FESTE

  1. Grandissimo SerVes, S.V., o come diavolo ti firmi, quì ce ne è abbastanza per una denuncia per diffamazione. “Il sistema ha consentito di guadagnare tanto” e “i nostri giovani della scuola patrocinata dal comune diventano oggetto di sfruttamento” sono solo VACCATE. Sono il capobanda dei ragazzi, sfido a trovare una vera giustificazione per queste cose. Vieni a sentirci la prossima volta e vieni a dirmi in faccia che sono anche io uno sfruttatore di ragazzi.
    MI RACCOMANDO, EDITORE “LIBERTA’ DI STAMPA”, CANCELLA QUESTO COMMENTO.
    MI RACCOMANDO, SERVES, FAI UN ARTICOLO SU QUANTO SONO UN “MUSICANTE” MERCENARIO.

    • Non credo che tu sia il ” capobanda” altrimenti ti firmeresti……forse sei il capobanda dei messaggi anonoimi visto account che usi, è un accounti che fa solo commenti inappropiriati che spesso cancelliamo….dico questo perchè se tu fossi il responsabile la denuncia non la faresti mai perchè sarebbe un autentico darsi la zappa sui piei visti gli atti ufficiali citati…..

      ser ves
      n b e da questo mometo ti concello tutti i commenti se non sono costruttivi e appropriati…….e se vuoi ci vediamo in tribunale…

  2. Spett.le direttore,
    Lei si lascia prendere troppo dalla foga e ce l’ha tanto con chi non è d’Agropoli, e in questo paese viene a proporre le proprie iniziative, come lo ha fatto notare Lei stesso in diversi vecchi articoli. Come per esempio cita personaggi di Marina di Camerota nella banda, ma se lo stesso prof. Fedullo, uno dei maestri costituenti la banda è di Marina di Camerota!!!! grazie che sfilava con gli altri musicanti!!! Ma io le debbo far presente un’altra cosa: i professori che accusa, e mi creda ho mia figlia che suona con loro, dedicano tutto il proprio tempo ad educare i ragazzi alla passione per lo strumento a titolo completamente gratuito ed oltre la banda con gli stessi componenti e altri ragazzi hanno formato l'”Orchestra Giovanile Città di Agropoli” e se ha un pò di tempo a disposizione la invito ad un loro concerto. Per quanto riguarda i guadagni so che sono serviti a pagare gli strumenti per la banda stessa, che i ragazzi utilizzano in modo totalmente gratuito, comprati all’inizio creando non pochi debiti ai fondatori. Quindi la prego non sputiamo sentenze e parliamo sempre male di qualcosa di bello che viene fatto nella nostra città, se i fondatori non sono agropolesi veraci, pazienza, anche per vedere agropoli risorgere è dovuto venire un sindaco di fuori!!!!!

    • Intanto lascio il commento che a differenza dell’altro è ben più civile e degno di lettura e anche di confronto, i mezzi odierni ci hanno consentito di risalire all’autore dei commenti precedenti con le conseguenze del caso. Lei nemmeno si firma vabbè questo stile vile ormai è in voga, dovrebbe firmarsi per essere credibile. Lei oltre ad essere in malafede è anche ignorante,non accuso nessun professore e i tre richiedenti al protocollo i Prof. Palladino,Papa E Fedullo nell’articolo vengono ripetutamente elogiati come viene elogiata la banda che suona benissimo e l’ho detto in più circostanze sostenendo che è giusto che suoni alle feste di Agropolesi. Ho scoperto però il trucco…….e questo non va bene.Io non devo giustificarmi e ne dare spiegazioni però se legge bene chi viene preso di mira è il gruppo di musicanti di cui non fanno parte ne i professori ne i giovani della banda. Purtroppo lei sarà anche cilentano o non di Agropoli però sta ad Agropoli e qui le cose si fanno seriamente, se nei vostri rispettabili paesi di provenienza si fanno a vanvera siete abituati molto male. Vista la sua chiosa finale che riscrivo testualmente:” per vedere agropoli risorgere è dovuto venire un sindaco di fuori!!!!!” è palese che lei ha odio verso noi agropolesi e per questo per coerenza dovrebbe andare via da questa città ma non lo farà perchè l’incoerenza è troppa. per chiudere legga bene altrimenti rischia di fare un’altra brutta figura come quelle che sta facendo il signor Palladino che visto scoperto il gioco sta gridando la rabbia ai quattro venti. Invece di pensare a inutili difese prendete provvedimenti e date al gran Cocerto bandistico città di Agropoli la giusta collocazione quello di Scuola come da delibera n 170 dell11 maggio 2011.
      Detto questo alte risposte provvederò ad eliminarli,lo spazio che vi abbiamo concesso è già troppo sopratutto per chi non ha il coraggio di firmarsi……
      Sergio Vessicchio

  3. Volevo ringraziare Sergio Vessicchio per aver portato in auge, con questo articolo, la questione banda e/ bande. Negli ultimi tempi, personaggi di indubbia moralità e professionalità, stanno portando allo sbando e allo sfascio un movimento che ha reso orgogliosi molte comunità del nostro territorio. Come spiegava il Direttore, la Banda di Agropoli, ahimè, è solo uno specchietto per le allodole, altro che VACCATE, caro il mio Capobanda. Se il gentile anonimo del primo commento è davvero il Maestro della Banda di Agropoli, provasse a chiedere ai suoi allievi come la pensano realmente e che delusioni provino nel vedere “esterni” pagati quasi il doppio rispetto a loro. Si faccia un bell’esame di coscienza e non si nasconda dietro un dito.
    La Banda di Agropoli è una mera invenzione e praticamente NON ESISTE, Sergio Vessicchio ha ragione anzi… direi che ha scoperto l’acqua calda!

  4. Pingback: GRAN CONCERTO BANDISTICO CITTA’ DI AGROPOLI C’E’ LA COPERTURA FINANZIARIA DEL MUNICIPIO | Agropoli Live

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...