CLAMOROSO IL COMUNE DI SALERNO RISCHIA IL FALLIMENTO…….Spending review fatale per il municipio di De Luca


Il sacco si è stretto, come si dice in gergo e la cura Monti potrebbe avere ripercussioni su molti comuni italiani. E tra questi, nell’elenco non manca Salerno dove la gestione finanziaria appare «virtuosa» almeno sulla carta. Qui nella città che spende intorno ai 3 milioni di euro per le Luci d’Artista pare che i soldi ci siano e siano pure parecchi. Ma è davvero così? Sta di fatto che Salerno, con le nuove norme sui residui inseriti nel decreto sulla spending review rientrerebbe nella lista nera. 

Insomma avrebbe da un lato la difficoltà di far quadrare sulla carta il bilancio e dall’altro di spendere per l’assenza di liquidità. Tant’è che domani all’ordine del giorno del Consiglio comunale ci saranno la variazione di bilancio (per contrastare alla nuove norme) e l’aumento dell’aliquota Imu (come contraltare).In pratica l’ultimo colpo di grazia del governo Monti impone di svalutare del 25 per cento i residui attivi accumulati nel tempo fino ad oggi. Si tratta, in particolare, di entrate accertate ma non ancora riscosse ed iscritte nel bilancio comunale. Perlopiù sono proventi di multe, tarsu e imu che l’ente comune dovrebbe incassate ma che in molti casi diventano inesigibili . Ma sono cifre importanti per fare un bilancio ed avere una quadratura dei conti. La nuova norma per il presidente dell’ Anci Graziano Delrio porterebbe moltissimi comuni al crac, dunque al dissesto e quindi a tutto ciò che ne consegue. «Così i bilanci non quadrano più», spiega Delrio e da Salerno, il consigliere d’opposizione Raffaele Adinolfi spiega: «Non chiamateli tagli. Si obbliga soltanto alla prudenza e chi in precedenza ha avuto una gestione allegra, ora dovrà correre ai ripari». Adinolfi dice, infatti che mentre Salerno dovrà da una parte approvare una variazione di bilancio e dall’altro aumentare l’Imu, Cava de’ Tirreni non sarà toccata dalla nuova norma. I nodi – prosegue – vengono al pettine. Ed è una cosa che stiamo denunciando da tempo». Ma a Palazzo di Città l’assessore al bilancio Alfonso Buonaiuto è tranquillo: «Andremo in aula ed accantoneremo il 25 per cento dei residui così come imposto dalle nuove norme». Ma al di là della spending review su Salerno e sulla sua capacità di spesa, sono in molti a pensare che in questi anni sia stato fatto il passo più lungo della gamba. Ed ora che le case sono state vendute, i negozi pure, gli oneri di urbanizzazione scarseggiano ed i trasferimenti statali diminuiscono come si accenderanno le Luci d’artista?

Annunci

One thought on “CLAMOROSO IL COMUNE DI SALERNO RISCHIA IL FALLIMENTO…….Spending review fatale per il municipio di De Luca

  1. difatti, credo che per la gioia di tutti voi, denigratori di De Luca, quest’anno non si accenderanno, con buona pace dei commercianti che l’aspettavano come manna dal cielo o degli albergatori e ristoratori che facevano il pienone. Somigliate a quel marito che per fare dispetto alla moglie… se li taglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...