MARTA SANTORO RESTA IN CARCERE SCARCERATO IL MARITO ANTONIO PETILLO


 

SALERNO — Il comandante della Forestale di Foce Sele, Marta Santoro, fermata per concussione, resta in carcere. Suo marito, Antonio Petillo, che guida il comando di Capaccio, invece, è stato scarcerato e messo ai domiciliari. E’ un provvedimento tanto lungo (quaranta pagine) quanto singolare l’ordinanza con cui ieri sera il gip di Salerno, Renata Sessa, non ha convalidato il fermo voluto dal pubblico ministero Maurizio Cardea ed eseguito nella notte tra martedì e mercoledì scorso dai carabinieri di Agropoli e del comando provinciale.Per un verso, l’avvocato della Santoro, Antonello Natale, parla di una prima vittoria, dal momento che il gip avrebbe fondato l’illegittimità del decreto di fermo sulla carenza della flagranza di reato e del pericolo di fuga. Per l’altro verso, invece, il comandante della Forestale di Foce Sele, a differenza di suo marito, resta in carcere. Continua a leggere

About these ads